Chi è Runny Magma?

“Runny Magma mantiene segreta la sua reale identità affinché i suoi scritti vengano valutati al di là di qualsiasi pregiudizio, ma permette si sappia che alle giarrettiere preferisce le bretelle e adora azzannare liquirizia, il suo gatto e altre cose che magari immaginate senza starlo a spiegare. Odia Gloria Gaynor, i Village People e pure Lady Gaga, però è in grado di tollerare Madonna, Kylie Minogue e gli Abba. Ritiene che i gay romance siano parità d’intrattenimento e che un giorno li leggerà persino Giovanardi. Nel 2015 sono usciti i romanzi "Mascarado" e "Perfect Strangers" e la mini-raccolta "Porcahontas e (S)mascarado", mentre nel 2016 il romanzo "A qualcuno piace tiepido." Ha curato la rubrica "Drag Stories - Storie di strascichi" sul blog "Refusi Etc.", dove ha dato voce alle drag queen italiane” – dalla biografia autografa del suo gatto, che parimenti non si fa vedere perché su Internet i mici sono anche più inflazionati degli scribacchini.

10 novembre 2017: il nuovo romanzo, "Small Town Boys."


Dall'intervista su Pianeta GayChi è Runny Magma, che mantiene la segretezza sulla propria identità per abbattere ogni forma di pregiudizio?

È un modo per dare risalto allo scritto, mettendomi in secondo piano. Nell’intrattenimento si dà tanta importanza all’immagine, c’è gente che venderebbe la mamma per apparire col proprio nome sulla cover di un libro, ma è inevitabile che il gusto del pubblico si fondi anche su quanto sai di chi ci sta dietro. Se scrivi romance devi essere donna, se scrivi gay fiction devi essere uomo, se sei esordiente non sai scrivere, se sei un professionista sei raccomandato, se sei giovane non sai niente della vita, se sei vecchio sei da rottamare, se sei sconosciuto non hai abbastanza amici, se sei conosciuto hai troppi nemici. Che si pensi quel che si vuole. Se quel che scrivo piace bene, sennò pazienza. Voglio sperimentare questo espediente… come il Mascarado! Poi magari prima o poi mi presento, chissà…

Per interviste e recensioni vedi la pagina Dicono di me.

La mia opinione sul self publishing su RFS